Space clearing, l’arte di fare spazio in casa e nella vita

 

 

La prima volta che ho sentito parlare di Space Clearing è stato oltre 15 anni fa quando una ragazza mi raccontò davanti a una tazzina di caffé di come stesse per cambiare la sua vita grazie a quello che aveva imparato da questa disciplina, all’epoca poco conosciuta. Aveva iniziato a frequentare un corso quasi per gioco e ne era rimasta conquistata, tanto da decidere di approfondire l’argomento e decidere di diventare una Counselor. Lì per lì non colsi davvero a fondo il messaggio della chiacchierata con quella ragazza, ma rimasi  molto colpita dal suo sguardo felice e dall’energia con la quale mi raccontava la sua esperienza.

Fu un addio il nostro, infatti non l’avrei più rivista, dato che poco tempo dopo lasciò il lavoro che ci aveva fatte incontrare e si trasferì in un’altra città per ricominciare una nuova vita. Quell’incontro rimase però in un angolo della mia memoria, così come l’idea dello Space Clearing. 

Una delle spiegazioni più gettonate da colui che viene comunemente definito “disordinato cronico” di fronte alla sua casa movimentata è quella della creatività del disordine, preferibile alla noia e alla freddezza dell’ordine. Il disordinato si rifugia anche dietro un’altra scusa molto utilizzata, cioè quella che sostiene che in realtà il disordine abbia una sua dinamica ordinata che consente soltanto al suo autore di ritrovare ogni oggetto nel caos, perché sistemato a dovere nella sua mappa mentale. Forse un fondo di verità c’è, sia per la creatività, sia per la logica nascosta del disordine, ma quello che i disordinati non considerano è l’effetto paralizzante di tutti gli oggetti superflui parcheggiati nella loro vita quotidiana, che fanno intasamento, sottraendo spazio e bloccando l’energia di chi vive nella casa. 

Lo Space Clearing, detto anche decluttering, deriva dal Feng Shui e per usare la definizione di Lucia Larese, esperta italiana in materia, può essere definito come un “insieme di principi e consigli di buon senso che insegnano alle persone a eliminare il superfluo per recuperare l’essenziale e ritrovare il benessere interiore”.  

Non sono solo i disordinati ad essere colpiti dalla sindrome degli oggetti paralizzanti, ma anche i cosiddetti accumulatori cronici, categoria in costante aumento. In tempi come i nostri, dettati dalle regole indotte dal consumismo di massa, siamo infatti inconsciamente programmati per possedere tanti oggetti, che desideriamo, compriamo e accumuliamo, a volte senza nemmeno darcene una vera ragione, visto che poi la maggior parte di essi finisce per ingombrare la casa in tutti i suoi meandri a tempo indeterminato, senza un vero utilizzo.

 

 

E’ una vera battaglia, quella con gli oggetti di casa. E se non siamo noi ad accaparrarceli volontariamente, sono gli altri che ce li regalano, obbligandoci a conservarli, anche se non ci servono o non ci piacciono.

Tali oggetti non necessari, una volta adottati o entrati in famiglia per altre vie, si impossessano del nostro spazio e cominciano a sviluppare, a nostra insaputa, un vero potere su di noi. I rapporti  quindi si invertono e da semplici oggetti presi e portati dentro casa da un padrone, diventano loro i padroni della casa e della nostra energia vitale.

Non è quindi solo una questione di semplice ordine da saper mantenere, ho visto infatti molte case dall’aspetto ordinato (persino maniacale talvolta), ma comunque sovraccariche di oggetti inutili e paralizzanti. Esse, come quelle poco ordinate, non generano armonia e benessere in chi le vive o le visita, bensì ansia.

Quello a cui dovremmo aspirare dunque è proprio l’armonia degli spazi in cui viviamo, i quali, se squilibrati e sovraccarichi, influiscono concretamente nel modo in cui generiamo i nostri pensieri e addirittura condizionano i livelli di energia che ci consentono di fare o non fare le cose della nostra vita, interferendo sulla nostra volontà.

Questo vale per adulti e bambini: una stanza dei piccoli caotica e soffocata da giochi inutilizzati e stagnanti, porterà inevitabilmente delle conseguenze anche nel carattere in formazione dei nostri figli e addirittura sarà determinante pure per il rendimento scolastico.

 

Ecco alcuni consigli pratici per iniziare a mettere in pratica lo space clearing nella nostra casa:

1. Uno dentro= due fuori. Per ogni oggetto che entra in casa, due devono dirci addio

2. Una volta al mese riunite la famiglia per formare una squadra anti disordine. Ad ognuno un sacco gigante da riempire con i propri oggetti inutili. Anche un paio d’ore bastano per ottenere risultati apprezzabili.

3. Non rimandare le decisioni e, se avete selezionato gli oggetti che volete eliminare (siano essi da regalare, gettare via o riciclare), FATELO SUBITO, SENZA RIMPIANTI

4. Cominciate la rassegna delle cose inutili con un foglio e una penna, annotando i punti critici da “liberare”

5. Prima di comprare per voi qualsiasi oggetto non immediatamente consumabile chiedetevi se vi serve davvero e poi aspettate ancora 5 minuti prima di procedere all’acquisto. Fate lo stesso prima di regalare qualsiasi cosa, accertatandovi di fare cosa utile o gradita

6. Non fatevi condizionare dal prezzo vantaggioso. Quanti oggetti in saldo giacciono nella vostra casa?

7. Dopo i 10 anni di età, al posto dei giochi, per i vostri figli chiedete libri o soldi per il fondo studio…non vergognatevi ed esprimete apertamente ad amici e parenti il vostro punto di vista

8. Se i vostri bambini piccoli giocano con gli oggetti di casa, smettete di comprare giocattoli commerciali!

9. Ripulite una stanza alla volta e godetevi il risultato 

10. Cominciate ad eliminare tutti quegli oggetti che vi ricordano persone o momenti sgradevoli

 

Per saperne di più:

Casa, energie e Feng Shui:  http://www.viacavaclaudio.it/348/
Decluttering: http://www.becomingminimalist.com/dont-just-declutter-de-own/
Space Clearing http://www.spaceclearing.it/tratta_fai_da_te.htm

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...