Una Pasqua veg senza rimpiangere la carne (lasciando tranquilli agnelli e altri animali)


In previsione del prossimo fine settimana in cui le famiglie si riuniranno per i rituali pranzi di festa, voglio proporre un menu vegetariano dedicato a chi non sa mai cosa cucinare per le festività pasquali e magari ripete con poca fantasia le medesime pietanze tradizionali ricche di carni, perdendo però di vista il vero significato della Pasqua (religioso e non).

Lo confesso, il mio obiettivo reale è quello di farvi dimenticare tutte le ricette a base di carne, stuzzicando la vostra curiosità e portandovi a scoprire alcuni piatti veg molto golosi, ma soprattutto non violenti, che potranno tranquillamente sostituire quelli tramandati dalle nostre nonne (non sempre le nonne hanno ragione…) dandovi grande soddisfazione.

Il significato della Pasqua richiama simbolicamente quello della rinascita ed evoca il sacrificio di un innocente per la salvezza di tutti. Per questo motivo, mi chiedo e vi chiedo, ha ancora senso nascondersi ogni anno dietro l’illusione di celebrare una festa religiosa, mentre sulla tavola ci si rende complici di una cruenta e massiccia uccisione di agnelli e altri animali?

Una tradizione alimentare, se palesemente crudele e non necessaria, può essere abbandonata e lasciata al suo tempo passato per fare spazio a nuovi modi di pensare e di vivere, senza perdere nulla, anzi guadagnando un nuovo grado di sensibilità e autodeterminazione. Si chiama crescita, evoluzione.

Questo non ha a che fare solo con la religione, ma coinvolge il pensiero e le azioni di tutti, anche coloro che sono laici e che in questo periodo dell’anno (e sempre) si ritrovano a consumare alcuni “cibi”, senza neanche riflettere sulla loro provenienza e sul loro significato, celandosi dietro l’alibi della cultura culinaria. Ma la cultura siamo noi, la cultura cambia perché noi cambiamo.

Mi aspetto a questo punto, la fatidica frase: “Tanto anche se io cambiassi, per il mondo non cambierà nulla”.

Non é affatto così! Dovete sapere che ciascuno di noi, nel corso della sua vita facendo scelte consapevoli e responsabili, può fare tanto. Il buon esempio di una sola persona infatti può cambiare per sempre la vita di molte altre, generando un effetto a catena.

Si cambia prendendo coscienza della realtà e mettendo via l’indifferenza. Si cambia con atti pratici, decidendo di evitare di comprare e mangiare animali maltrattati, uccisi e trasformati in cibo (troppo spesso anche sprecato), facendo una scelta consapevole ora, in occasione delle prossime feste.

É possibile cambiare da un giorno all’altro e, chi lo sa, apprezzando questo menu, magari sceglierete un’alimentazione vegetariana anche per la vita di tutti i giorni. Io ve lo auguro.

Intanto, potete divulgare questa buona notizia: un pranzo da gourmet senza animali è possibile!

Buona Pasqua e Buon Appetito!

Polpette di ricotta in crosta di mandorle con cubetti di barbabietola e gocce di pesto
Tortelli gialli allo zafferano ripieni di crema di asparagi
Torta millesfoglie di pasta fillo con spinaci, carote e feta
Carciofi ripieni vegetariani
Arrosto di lenticchie con spinaci freschi
Mudd cake al cioccolato bianco con crema di ricotta alle fragole


POLPETTE DI RICOTTA IN CROSTA DI MANDORLE CON CUBETTI DI BARBABIETOLA E GOCCE DI PESTO

Almond-rolled goats' cheese

200 gr di ricotta fresca, meglio se seirass (più consistente)
60 gr di farina 00
40 gr di parmigiano
1 uovo intero
basilico
mandorle in fiocchi
barbabietola al forno
olio evo, sale e pepe qb

Preparate l’impasto delle polpette unendo ricotta, farina, basilico, uovo e parmigiano. Regolate di sale e mettete poco olio. Potete farlo a mano o usare il frullatore, per ottenere un composto liscio e compatto.
Formate le polpettine e impanatele facendole rotolare su un piattino con le lamelle di mandorla. Cuocete in padella con poco olio, lasciando che la superficie delle polpette rimanga croccante.
Servite aggiungendo cubetti di barbabietola e le gocce di pesto (preparatelo da voi, secondo la vostra ricetta)

 

TORTELLI GIALLI ALLO ZAFFERANO RIPIENI DI CREMA DI ASPARAGI

300 gr di farina 00
pistilli di zafferano e una bustina di zafferano in polvere
burro
2 uova intere
asparagi
parmigiano
sale e pepe qb

Preparate la sfoglia impastando la farina con le uova e aggiungendo all’impasto lo zafferano in polvere
Tirate la sfoglia dopo aver fatto riposare l’impasto per 20 minuti
Per il ripieno dei tortelli frullate gli asparagi che avrete ripassato in padella con olio e cipolla, oppure, se volete una versione light, lessato solo a vapore. Aggiungete il parmigiano grattugiato e regolate di sale.

Divertitevi a creare la vostra forma preferita di tortello, grande o piccolo, come preferite. Potreste anche crearne uno molto grande aperto, realizzato mettendo a strati la sfoglia lessata e alternando il condimento. Usate la fantasia!

Condite i vostri tortelli con burro fuso e pistilli di zafferano

 

TORTA MILLESFOGLIE  DI PASTA FILLO CON SPINACI, CAROTE E FETA 

 

Feta-&-vegetable-pie_800x356

 

Due confezioni di pasta fillo
Feta
500 gr di spinaci freschi
250 gr di carote
cipolla
parmigiano qb
sale olio e pepe qb

La pasta fillo è molto sottile e delicata, abbiate cura di maneggiarla delicatamente mentre la posizionate nella teglia. Comunque, se vi capitasse di romperla, non vi preoccupate troppo: questa torta deve avere un aspetto frastagliato, quindi potrete rimediare con facilità.
Per il ripieno della torta, fate saltare gli spinaci tagliati finemente, insieme alla cipolla. Mettete anche le carote grattugiate. Lasciate raffreddare il composto ben amalgamato. Nella teglia da forno, preparate la base della torta disponendo le sfoglie di pasta a strati e coprendo bene tutta la superficie. Riempite con le verdure e aggiungete il parmigiano (grattugiato o a pezzetti) con la feta sbriciolata. Chiudete la parte alta con altra pasta fillo, disposta irregolarmente. Aggiungete un filo d’olio prima di infornare.
Fate cuocere per 20 minuti circa a 180 gradi, facendo attenzione a non far bruciare la parte alta della torta.

 

CARCIOFI RIPIENI VEGETARIANI

6 carciofi
pangrattato
cipolla e aglio
prezzemolo
parmigiano
lamelle di mandorle o pinoli

Lessate i carciofi interi, dopo averli sfogliati e tagliato i gambi. Recuperate  anche il cuore dei gambi che potrete utilizzare per il ripieno, quindi fateli lessare insieme alle teste. La cottura deve essere breve affinché i carciofi conservino un colore verde vivo. Svuotate i carciofi eliminando la barbetta.
Preparate un’impanatura con aglio, cipolla, pangrattato, parmigiano grattugiato, prezzemolo e il cuore dei gambi precedentemente lessati e ridotti a cubetti. Aggiungete quindi le mandorle o i pinoli, a vostro gusto. Salate e aggiungete l’olio evo.
Riempite i carciofi con l’impanatura, condite con olio e regolate di sale.
Infornate per circa 20 minuti, fino a quando la superficie dei carciofi non sarà dorata.

 

ARROSTO DI LENTICCHIE E SPINACI

arrosto_lenticchie

 

350 gr di lenticchie grandi
300 gr di spinaci freschi
cipolla e aglio
carote
rosmarino
pangrattato

Lessate le lenticchie senza farle disfare. Scolatele e lasciatele raffreddare. Preparate il ripieno di spinaci, facendoli saltare in padella con la cipolla e poi tagliuzzateli grossolanamente.
Frullate le lenticchie ben scolate, aggiungendo un po’ di rosmarino, l’aglio e le carote grattugiate, in modo da ottenere un impasto consistente. Aggiungete pangrattato, nel caso il composto fosse troppo morbido.
Stendete l’impasto delle lenticchie e disponetevi gli spinaci. Arrotolate delicatamente per ottenere la forma del polpettone. Impanate la superficie del polpettone con il pangrattato, riponetelo nella teglia e aggiungete olio e sale. Condite anche con dei rametti di rosmarino e fate cuocere fino a che il polpettone non sarà dorato uniformemente.
Se avete avanzato delle lenticchie, potete frullarle con olio e sale per fare una salsa di accompagnamento.

 

MUDD CAKE AL CIOCCOLATO BIANCO CON CREMA DI RICOTTA E FRAGOLE

 

 

250 gr di burro
300 gr di cioccolato bianco a pezzetti
350 gr di zucchero di canna
375 ml di acqua
390 gr di farina 00
10 gr di lievito per dolci
3 uova 
una bacca di vaniglia

Per  la glassa al cioccolato bianco e fragole:
250 gr di cioccolato bianco
125 gr di panna da montare
70 gr di burro
tre fragole frullate

Per la crema
350 gr di ricotta di pecora (o seirass)
50 gr di zucchero di canna
100 gr fragole frullate

Fondete burro, cioccolato bianco, zucchero e acqua in una pentola a fuoco medio, mescolando frequentemente.
Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare brevemente. Trasferite il composto in una ciotola e unite la farina con il lievito, mescolando bene. Aggiungete le uova e la vaniglia continuando a mescolare. Imburrate il vostro stampo, se ne userete uno con cerniera di 20-22 cm, otterrete una bella torta alta. Versate il composto nella teglia e infornate in forno ben caldo a 180 gradi, per 1 ora e 45  minuti circa. Controllate la cottura con il solito metodo dello stuzzicadenti. Lo stecchino dovrà uscire asciutto dalla torta, anche se leggermente umido a causa del cioccolato.
Non appena pronta, lasciate raffreddare la torta nella teglia per almeno 20 minuti. Poi liberatela dalla cerniera e tagliatela per poterla guarnire all’interno con la farcia.

Per preparare la glassa esterna vi basterà far fondere a bagnomaria il cioccolato bianco, la panna,  le fragole frullate e burro fino a quando tutti gli elementi saranno ben amalgamati. Togliete dal fuoco la glassa ottenuta e lasciatela raffreddare. Una volta fredda, iniziate a montare il composto con una frusta fino a quando sarà raddoppiato.

Preparate la farcia da spalmare all’interno della torta, frullate la ricotta con lo zucchero e le fragole.
Disponete la farcia nel mezzo della torta precedentemente tagliata e alla fine farcite con la glassa sulla parte alta.
Decorate a piacere con fragole intere fresche.

Annunci

One Reply to “Una Pasqua veg senza rimpiangere la carne (lasciando tranquilli agnelli e altri animali)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...