Un’insalata per curare lo stress e la noia

 

Chi ha mai pensato di ridurre lo stress mangiando una semplice insalata? Quando pensiamo ai terribili effetti dello stress sul nostro organismo in genere cerchiamo di porvi rimedio rallentando i ritmi della nostra vita, magari con una sauna o un massaggio, oppure cercando di allontanare, anche se per poco, le preoccupazioni che ci inseguono. Va bene, certo, ma purtroppo non è sufficiente per affrontare con regolaritá il problema. Con la vita che facciamo sarebbe solo una soluzione temporanea non in grado di incidere davvero sui livelli di stress.

Quello che di solito tralasciamo è l’aiuto che può arrivare da un piatto spesso a torto considerato come qualcosa di triste e non gratificante, poiché richiama la dieta e quindi le ristrettezze alimentari: l’insalata.

Mettiamo subito in chiaro che esiste insalata e insalata. Quelle dei ristoranti (non tutti per fortuna) in genere fanno venire voglia di buttarsi sui dolci per evitare la depressione, considerato quanto sono monotone e poco gustose. Quindi dobbiamo pensarci noi, a casa nostra, usando un po’ di fantasia.

Per prima cosa, é necessario rivoluzionare alla base la nostra idea di insalata. Confesso che da bambina l’insalata era uno dei miei incubi culinari (dopo la carne e i suoi orrendi nervetti) perché non amavo l’effetto dell’aceto in bocca e sui denti, ma anche perché non era molto varia, infatti ed era quasi sempre composta da un solo tipo di vegetale che per giunta ai miei occhi risultava tanto anonimo quanto indigesto: la lattuga. Ecco, se avete deciso di cambiare per sempre il vostro rapporto con l’insalata e passare da una convivenza forzata a una luna di miele, la parola d’ordine è varietà.

Varietà nella scelta dei vegetali da utilizzare, l’ingrediente primario, ma anche nei condimenti e negli “accessori” con i quali arricchire il vostro piatto. Ecco qualche suggerimento:

1. Foglie:  basta con la monotonia! Non siate pigri e variate la base delle insalate usando piú tipologie per volta! Contro lo stress, grazie ai noti effetti rilassanti, danno un aiuto specifico la VALERIANA, il CRESCIONE, il SEDANO, ma anche lo SPINACINO, ricchissimo di antiossidanti.

2. Semi. Sono un vero portento per il nostro benessere. Ricchi di oli polinsaturi che riequilibrano il sistema ormonale e nervoso, aiutando anche a regolare i livelli della pressione sanguigna. In vendita ci sono dei meravigliosi mix già pronti di semi vari (PAPAVERO, SESAMO, PINOLI, MANDORLE, LINO, ANANCARDI, NOCI), ma se preferite, potete preparare da voi la miscela, tritando al momento i semi che vi piacciono. Ricordartevi peró di consumarli immediatamente per non perdere l’efficacia dei nutrienti. Il trito di semi oleosi conferisce sostanza e lega bene l’insieme vegetale.

3. Frutti: Aggiungete frutta dolce o acidula, come UVA, FRAGOLA,  MELA, ARANCIA o MELOGRANO, ma non dimenticate anche l’AVOCADO (maturo, mi raccomando). E’ formidabile per donare una nota di cremosità a un piatto che di solito evoca freddezza e rigore. Tra l’altro, se siete a dieta, essendo molto energetico, può sostituire l’olio, conferendo ricchezza e piacere all’insalata.

4. Cereali: Se volete preparare un vero piatto unico, oltre ai vegetali a foglia verde, rossa o gialla, potete aggiungere anche mais, riso integrale, orzo o avena lessati. Darete “sostanza” alla portata e non sentirete di certo la mancanza di un primo piatto.

5. Legumi: Lenticchie, fagioli neri, ceci. Anche in piccole dosi sono una presenza inaspettata che aiuta ad ottenere un effetto sazietà a lungo termine e quindi relax per la vostra mente.

6. Condimenti. Non esiste solo l’olio d’oliva Extra Vergine. E’ sempre il condimento privilegiato intendiamoci, ma cambiare ogni tanto consentirà al vostro corpo di evitare il presentarsi di intolleranze che possono sopraggiungere dopo anni di uso monotono. YOGURT, SALSA TAHINA, OLIO DI LINO, DI MACADAMIA, DI NOCI, la lista è lunga se volete osare. Vi assicurerete il pieno di acidi grassi polinsaturi, con una sfumatura di gusto sempre diversa e stimolante. Usate il limone, al posto dell’aceto. É alcalinizzante, depurativo e inoltre assicura l’assimilazione del ferro.

Come vedete, modificando le abitudini e usando la fantasia, il vostro concetto di insalata sarà rivoluzionato. Grazie ai minerali e agli elementi che vi assicurerete ogni giorno, lo stress sarà allontanato per merito dei micronutrienti, ma anche grazie alla gioia e agli stimoli che proverete ogni volta che inventerete un piatto nuovo. Provateci!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...